Comandi Linux in DevOps: Must Know For Every DevOps Professional

Questo blog copre i comandi Linux utilizzati più di frequente in DevOps. Copre anche le basi dello scripting della shell e alcuni comandi Git.

Fondamenti di Linux e scripting sono una delle competenze più essenziali di un DevOps Professional.La maggior parte delle aziende ha il proprio ambiente su Linux, anche molti strumenti CM come Puppet, Chef e Ansible hanno i loro nodi principali su Linux.Quindi in questo blog tratterò l'intera parte della riga di comando che è una parte essenziale di . Gli argomenti che tratteremo qui sono i seguenti:

    1. Cos'è Linux?
    2. Perché Linux è popolare?
    3. Comandi Linux in DevOps.
    4. Scripting della shell
    5. Comandi Git.

Quindi iniziamo,





Cos'è Linux?

Linux è un sistema operativo open source e sviluppato dalla comunità per computer, server, mainframe, dispositivi mobili e dispositivi incorporati. Ha supporto su quasi tutte le principali piattaforme di computer inclusi x86, ARM ecc., Rendendolo uno dei sistemi operativi più ampiamente supportati.

Il design di Linux è simile a UNIX ma si è evoluto per funzionare su un'ampia varietà di hardware, dai telefoni ai supercomputer. Ogni sistema operativo basato su Linux contiene il kernel Linux, che gestiscerisorse hardware e una serie di pacchetti software che costituiscono il resto del sistema operativo.



Perché Linux è popolare?

Linux è diverso dal resto dei sistemi operativi in ​​molti aspetti importanti. Alcuni di loro sono i seguenti

uno. Gratuito -Primo, e forse più importante, Linux è gratuito. Non devi spendere alcun importo per scaricarlo e usarlo, a differenza di Windows.

2. Open Source -Linux è un software open source. Il codice utilizzato per creare Linux è gratuito e disponibile al pubblico per la visualizzazione, la modifica e, per gli utenti con le competenze appropriate, per il quale può contribuire.



3. Sicuro - Una volta installato Linux sul tuo sistema, non è necessario utilizzare un antivirus! Linux è un sistema altamente sicuro. Inoltre, esiste una comunità di sviluppo globale che cerca costantemente modi per migliorare la propria sicurezza. Ogni aggiornamento rende il sistema operativo più sicuro e robusto.

Quattro. Stabilità e prestazioni - Linux fornisce una stabilità molto elevata, ovvero non necessita di un riavvio dopo un breve periodo di tempo. Il tuo sistema Linux raramente rallenta o si blocca. Puoi lavorare senza alcun disturbo sui tuoi sistemi Linux. Linux fornisce straordinariamentealte prestazioni su varie reti e postazioni di lavoro.

Comandi Linux in DevOps

In questa sezione daremo uno sguardo a quelli utilizzati più di frequente che vengono utilizzati mentre si lavora in DevOps.

ls

Questo comando elenca tutti i contenuti nella directory di lavoro corrente.

sintassi:

$ ls

ComandoDescrizione

ls

Specificando il percorso dopo ls, verrà visualizzato il contenuto in quel percorso

ls –l

Utilizzando il flag 'l', vengono elencati tutti i contenuti con le impostazioni del proprietario, le autorizzazioni e l'ora

timbro (formato lungo)

ls –a

Utilizzando il flag 'a', elenca tutti i contenuti nascosti nella directory specificata

sudo

Questo comando esegue solo quel comando con privilegi di root / superutente.

sintassi:

$ sudo

Comando Descrizione

sudo useradd

Aggiunta di un nuovo utente

sudo passwd

Impostazione di una password per il nuovo utente

sudo userdel

Eliminazione dell'utente

sudo groupadd

Aggiunta di un nuovo gruppo

sudo groupdel

Eliminazione del gruppo

sudo usermod -g

Aggiunta di un utente a un gruppo principale

gatto

Questo comando può leggere, modificare o concatenare file di testo. Visualizza anche il contenuto del file.

sintassi:

$ cat {nomefile}

Comando

Descrizione

gatto -b

Ciò aggiunge i numeri di riga alle righe non vuote

cat -n

Questo aggiunge i numeri di riga a tutte le righe

gatti

Questo comprime le righe vuote in una riga

gatto –E

Questo mostra $ alla fine della riga

presa

Questo comando cerca una particolare stringa / parola in un file di testo. È simile a 'Ctrl + F' ma eseguito tramite una CLI.

sintassi:

$ grep {nomefile}

ComandoDescrizione

grep -i

Restituisce i risultati per stringhe senza distinzione tra maiuscole e minuscole

grep -n

Restituisce le stringhe corrispondenti insieme al loro numero di riga

grep -v

Restituisce il risultato di righe che non corrispondono alla stringa di ricerca

grep -c

Restituisce il numero di righe in cui i risultati corrispondono alla stringa di ricerca

ordinare

Questo comando ordina i risultati di una ricerca in ordine alfabetico o numerico. Ordina anche i file, il contenuto dei file e le directory.

sintassi:

$ sort {nomefile}

Comando

Descrizione

sort -r

il flag restituisce i risultati in ordine inverso

sort -f

il flag esegue l'ordinamento senza distinzione tra maiuscole e minuscole

sort -n

il flag restituisce i risultati secondo l'ordine numerico

coda

È complementare al comando principale. Il comando tail, come suggerisce il nome, stampa l'ultimo N numero di dati dell'input specificato. Per impostazione predefinita, stampa le ultime 10 righe dei file specificati. Se si fornisce più di un nome file, i dati di ciascun file precedono il nome file.

sintassi:

coda [OPZIONE] ... [FILE] ...

tail -n 3 state.txt o tail -3 state.txt => -n per no. di linee

tail +25 state.txt

-c se: Stampa gli ultimi 'num' byte dal file specificato.

chown

Diversi utenti nel sistema operativo hanno la proprietà e l'autorizzazione per garantire che i file siano protetti e imporre restrizioni su chi può modificare il contenuto dei file. In Linux ci sono diversi utenti che usano il sistema:

  • Ogni utente ha alcune proprietà ad esse associate, come un ID utente e una directory home. Possiamo aggiungere utenti in un gruppo per semplificare il processo di gestione degli utenti.
  • PER gruppo può avere zero o più utenti. Un utente specificato è associato a un 'gruppo predefinito'. Può anche essere un membro di altri gruppi nel sistema.

Proprietà e autorizzazioni: Per proteggere e proteggere file e directory in Linux, utilizziamo le autorizzazioni per controllare ciò che un utente può fare con un file o una directory. Linux utilizza tre tipi di autorizzazioni:

  • Leggere: Questa autorizzazione consente all'utente di leggere i file e nelle directory, consente all'utente di leggere le directory e le sottodirectory in esso contenute.
  • Scrivi: Questa autorizzazione consente a un utente di modificare ed eliminare un file. Inoltre, consente a un utente di modificare i suoi contenuti (creare, eliminare e rinominare i file al suo interno) per le directory. A meno che non si conceda l'autorizzazione di esecuzione alle directory, le modifiche non le interessano.
  • Eseguire: L'autorizzazione di scrittura su un file esegue il file. Ad esempio, se abbiamo un file denominato sh quindi, a meno che non gli diamo l'autorizzazione di esecuzione, non verrà eseguito.

Tipi di autorizzazioni per i file:

  • Utente: Questo tipo di autorizzazione del file influisce sul proprietario del file.
  • Gruppo: Questo tipo di autorizzazione al file influisce sul gruppo che possiede il file. Invece delle autorizzazioni di gruppo, le autorizzazioni utente verranno applicate se l'utente proprietario è in questo gruppo.
  • Altro: questo il tipo di autorizzazione del file influisce su tutti gli altri utenti del sistema.

Nota: Per visualizzare le autorizzazioni che utilizziamo:

ls -l

chown comando viene utilizzato per modificare il proprietario del file o il gruppo. Ogni volta che vuoi cambiare proprietà puoi usare il comando chown.

Sintassi:

chown [OPTION] & hellip [OWNER] [: [GROUP]] FILE & hellip

come impostare classpath in linux

chown [OPZIONE] & hellip –reference = FILE RFILE & hellip

Esempio: Per cambiare il proprietario del file:

chown nome_proprietario nome_file

chown master file1.txt

dove il maestro è un altro utente nel sistema. Supponiamo che se sei un utente denominato user1 e desideri cambiare la proprietà in root (dove la tua directory corrente è user1). usa 'sudo' prima della sintassi.

sudo chown root file1.txt

chmod

Questo comando viene utilizzato per modificare le autorizzazioni di accesso a file e directory.

Sintassi:

chmod {nomefile}

4 - leggere autorizzazione

2 - Scrivi autorizzazione

uno - eseguireautorizzazione

0 - noautorizzazione

lsof

Mentre si lavora nel sistema Linux / Unix potrebbero esserci diversi file e cartelle che vengono utilizzati, alcuni di essi sarebbero visibili e altri no. lsof comando sta per Elenco di file aperti . Questo comando fornisce un elenco di file aperti. Fondamentalmente, fornisce le informazioni per scoprire i file che vengono aperti da quale processo. Con una sola operazione elenca tutti i file aperti nella console di output.

Sintassi:

$ lsof [opzione] [nome utente]

Opzioni con esempi:

  • Elenca tutti i file aperti: Questo comando elenca tutti i file aperti da qualsiasi processo nel sistema.

~ $ lsof

  • Qui, osservi che ci sono dettagli dei file aperti. ProcessId, l'utente associato al processo, FD (descrittore di file), dimensione del file insieme fornisce informazioni dettagliate sul file aperto dal comando, ID processo, utente, la sua dimensione, ecc.

  • FD rappresenta come descrittore di file.
  • cwd : Directory di lavoro corrente.
  • testo: File di testo.
  • mem : File di memoria.
  • mmap : Dispositivo mappato in memoria.

Elenca tutti i file aperti da un utente: Ci sono diversi utenti di un sistema e ogni utente ha requisiti diversi e di conseguenza utilizza file e dispositivi. Per trovare un elenco di file aperti da un utente specifico, questo comando è utile.

  • Sintassi:

  • lsof -u nome utente

Insieme a questo possiamo vedere il tipo di file qui e sono:

  • A TE: Directory
  • REG: File regolare
  • CHR: File speciale di caratteri

ifconfig

ifconfig Il comando (configurazione dell'interfaccia) viene utilizzato per configurare le interfacce di rete residenti nel kernel. Viene utilizzato all'avvio per configurare le interfacce secondo necessità. Successivamente, viene solitamente utilizzato quando necessario durante il debug o quando è necessaria l'ottimizzazione del sistema. Inoltre, questo comando viene utilizzato per assegnare l'indirizzo IP e la maschera di rete a un'interfaccia o per abilitare o disabilitare una determinata interfaccia.

Sintassi:

ifconfig [... OPTIONS] [INTERFACE]

Opzioni:

  • -per : Questa opzione viene utilizzata per visualizzare tutte le interfacce disponibili, anche se sono inattive.

Sintassi:

ifconfig -a

-S : Visualizza un breve elenco invece dei dettagli.

Sintassi:

ifconfig -s

id

comando id in Linux viene utilizzato per scoprire i nomi degli utenti e dei gruppi e gli ID numerici (UID o ID di gruppo) dell'utente corrente o di qualsiasi altro utente nel server. Questo comando è utile per trovare le seguenti informazioni elencate di seguito:

  • Nome utente e ID utente reale.
  • Scopri l'UID utente specifico.
  • Mostra l'UID e tutti i gruppi associati a un utente.
  • Elenca tutti i gruppi a cui appartiene un utente.
  • Visualizza il contesto di sicurezza dell'utente corrente.

Sintassi:

id [OPTION] e hellip [USER]

Opzioni:

  • -g : Stampa solo l'ID del gruppo effettivo.
  • -G : Stampa tutti gli ID gruppo.
  • -n : Stampa il nome invece di un numero.
  • -r : Stampa l'ID reale invece dei numeri.
  • -u : Stampa solo l'ID utente effettivo.
  • -Aiuto : Visualizza i messaggi di aiuto ed esce.
  • -versione : Visualizza le informazioni sulla versione ed esce.

Nota: Senza alcuna OPZIONE stampa ogni set di informazioni identificate, ad esempio ID numerici.

Esempi:

  • Per stampare il tuo ID senza opzioni:

id

L'output mostra l'ID dell'utente corrente UID e GID.

  • Trova un ID utente specifico: Supponiamo ora di avere un utente chiamato master, per trovare il suo UID useremo il comando:

id -u master

  • Ottieni un GID per utenti specifici: Sempre supponendo di trovare il GID del master, useremo il comando:

id -g master

  • Conosci l'UID e tutti i gruppi associati a un nome utente: In questo caso, utilizzeremo l'utente 'master' per trovare l'UID e tutti i gruppi ad esso associati, utilizzare il comando:

id master

  • Per scoprire tutti i gruppi a cui appartiene un utente: Visualizzazione dell'UID e di tutti i gruppi a cui appartiene un utente 'master':

id -G master

tagliare

Il comando Taglia viene utilizzato per estrarre una porzione di un file utilizzando colonne e delimitatori. Se vuoi elencare tutto in una colonna selezionata, usa il flag '-c' con il comando taglia. Ad esempio, selezioniamo le prime due colonne dal nostro file demo1.txt.

tagliare -c1-2demo1.testo

e

Sed è un editor di testo in grado di eseguire operazioni di modifica in modo non interattivo. Il comando sed riceve l'input dallo standard input o da un file per eseguire l'operazione di modifica su un file. Sed è un'utilità molto potente e puoi eseguire molte manipolazioni di file usando sed. Spiegherò l'importante operazione che potresti voler fare con un file di testo.

Se si desidera sostituire un testo in un file cercandolo in un file, è possibile utilizzare il comando sed con un flag sostitutivo 's' per cercare il modello specifico e modificarlo.

Ad esempio, sostituiamo 'mikesh' nel file test.txt con 'Mukesh'

e 's / mikesh / mukesh /' test.testo

diff

Il comando diff viene utilizzato per trovare la differenza tra due file. Questo comando analizza i file e stampa le righe che non sono simili. Diciamo che abbiamo due file test e test1. puoi trovare la differenza tra i due file utilizzando il seguente comando.

Sintassi -

diff test.testo test1.testo

storia

historycommand viene utilizzato per visualizzare il comando eseguito in precedenza. Questa funzione non era disponibile nella shell Bourne. Bash e Korn supportano questa funzione in cui ogni comando eseguito viene considerato come un evento ed è associato a un numero di evento utilizzando il quale possono essere richiamati e modificati se necessario. Questi comandi vengono salvati in un file di cronologia. Nella shell Bash storia comando mostra l'intero elenco del comando.

Sintassi:

$ storia

comando goto c ++

Per mostrare il numero limitato di comandi eseguiti in precedenza come segue:

$ storia 10

dd

dd è un'utilità della riga di comando per sistemi operativi Unix e simili a Unix il cui scopo principale è convertire e copiare file.

  • Su Unix, i driver di dispositivo per l'hardware (come le unità disco rigido) e i file di dispositivo speciali (come / dev / zero e / dev / random) appaiono nel file system proprio come i file normali.
  • dd può anche leggere e / o scrivere da / a questi file, a condizione che la funzione sia implementata nei rispettivi driver
  • Di conseguenza, dd può essere utilizzato per attività quali il backup del settore di avvio di un disco rigido e l'ottenimento di una quantità fissa di dati casuali.
  • Il programma dd può anche eseguire conversioni sui dati mentre vengono copiati, incluso lo scambio dell'ordine dei byte e la conversione da e verso le codifiche di testo ASCII ed EBCDIC.

Utilizzo: La sintassi della riga di comando di dd differisce da molti altri programmi Unix, in quanto utilizza la sintassi opzione = valore per le sue opzioni della riga di comando, piuttosto che per il più standard -valore dell'opzione o –Option = valore formati. Per impostazione predefinita, dd legge da stdin e scrive su stdout, ma questi possono essere modificati utilizzando le opzioni if ​​(file di input) e of (file di output).

Alcuni esempi pratici sul comando dd:

  1. Per eseguire il backup dell'intero disco rigido: Per eseguire il backup di un'intera copia di un disco rigido su un altro disco rigido collegato allo stesso sistema, eseguire il comando dd come mostrato. In questo esempio di comando dd, il nome del dispositivo UNIX del disco rigido di origine è / dev / hda e il nome del dispositivo del disco rigido di destinazione è / dev / hdb.

  2. # dd if = / dev / sda di = / dev / sdb
  • 'Se' rappresenta il file di input e 'di' rappresenta il file di output. Quindi la copia esatta di / dev / sda sarà disponibile in / dev / sdb .
  • In caso di errori, il comando precedente fallirà. Se dai il parametro “conv=noerror” quindi continuerà a copiare se ci sono errori di lettura.
  • Il file di input e il file di output dovrebbero essere menzionati con molta attenzione. Nel caso in cui menzioni il dispositivo di origine nella destinazione e viceversa, potresti perdere tutti i tuoi dati.

trova

Il trova comando in UNIX è un'utilità della riga di comando per esplorare una gerarchia di file. Può essere utilizzato per trovare file e directory ed eseguire operazioni successive su di essi. Supporta la ricerca per file, cartella, nome, data di creazione, data di modifica, proprietario e autorizzazioni. Utilizzando '-exec' è possibile eseguire altri comandi UNIX su file o cartelle trovati.

Sintassi:

$ trova [da dove iniziare la ricerca]

[l'espressione determina cosa trovare] [-opzioni] [cosa trovare]

Opzioni :

  • -exec CMD: Il file da cercare che soddisfa i criteri di cui sopra e restituisce 0 come stato di uscita per l'esecuzione del comando riuscita.
  • -ok CMD: Funziona come -exec tranne per il fatto che all'utente viene richiesto prima.
  • -inum N; Cerca file con numero di inode 'N'.
  • -link N: Cerca file con link 'N'.

gratuito

In LINUX, esiste un'utilità della riga di comando per questo e questo è gratuito comando che mostra la quantità totale di spazio libero disponibile insieme alla quantità di memoria utilizzata e di swap nel sistema, e anche i buffer usati dal kernel.

Questo è più o meno ciò che il comando gratuito fa per te.
Sintassi:

$ gratis [OPZIONE]

OPZIONE: si riferisce alle opzioni compatibili con il comando gratuito.

Poiché free mostra i dettagli della memoria relativa al tuo sistema, la sua sintassi non ha bisogno di argomenti da passare ma solo opzioni che puoi usare secondo il tuo desiderio.

Utilizzando il comando gratuito

Puoi usare il comando gratuito come: $ gratis

/ * comando gratuito senza alcun

opzione mostra l'usato

e spazio libero di scambio

e memoria fisica in KB * /

Quando non viene utilizzata alcuna opzione, il comando libero produce l'output colonnare come mostrato sopra dove colonna:

  1. visualizzazioni totali la memoria totale installata (MemTotal e SwapTotal e presente in / proc / meminfo).
  2. display usati la memoria usata.
  3. display gratuiti la memoria inutilizzata.
  4. visualizzazioni condivise la memoria usata da tmpfs (Shmen e presente in / proc / meminfo e visualizza zero nel caso non sia disponibile).
  5. buffer visualizza la memoria utilizzata dai buffer del kernel.
  6. viene visualizzato nella cache la memoria usata dalla cache della pagina e dagli slab (Cached e Slab disponibili in / proc / meminfo).
  7. buffer / visualizzazioni cache la somma di buffer e cache.

Opzioni per comando gratuito

  • -b, - -bytes: Visualizza la memoria in byte.
  • -k, - -kilo: Visualizza la quantità di memoria in kilobyte (impostazione predefinita).
  • -m, - -mega: Visualizza la quantità di memoria in megabyte.
  • -g, - -giga: Visualizza la quantità di memoria in gigabyte

ssh-keygen

Utilizzare il comando ssh-keygen per generare una coppia di chiavi di autenticazione pubblica / privata. Le chiavi di autenticazione consentono a un utente di connettersi a un sistema remoto senza fornire una password. Le chiavi devono essere generate separatamente per ogni utente. Se generi coppie di chiavi come utente root, solo il root può utilizzare le chiavi.

L'esempio seguente crea le parti pubbliche e private di una chiave RSA:

ssh-keygen -t rsa

Utilizzare l'opzione –t per specificare il tipo di chiave da creare. I valori possibili sono ' rsa1 'Per la versione 1 del protocollo e' dsa ',' ecdsa ', o ' rsa 'Per la versione del protocollo 2.

Hai la possibilità di specificare una passphrase per crittografare la parte privata della chiave. Se si crittografa la chiave personale, è necessario fornire la passphrase ogni volta che si utilizza la chiave. Ciò impedisce a un utente malintenzionato, che ha accesso alla tua chiave privata e può impersonarti e accedere a tutti i computer a cui hai accesso, di poterlo fare. L'autore dell'attacco deve ancora fornire la passphrase.

ip

ip Il comando in Linux è presente in net-tools che viene utilizzato per eseguire diverse attività di amministrazione di rete. Questo comando viene utilizzato per mostrare o manipolare routing, dispositivi e tunnel. Questo comando viene utilizzato per eseguire diverse attività come l'assegnazione di un indirizzo a un'interfaccia di rete o la configurazione dei parametri dell'interfaccia di rete. Può eseguire molte altre attività come configurare e modificare il routing predefinito e statico, impostare un tunnel su IP, elencare indirizzi IP e informazioni sulle proprietà, modificare lo stato dell'interfaccia, assegnare, eliminare e impostare indirizzi IP e route.

Sintassi:

ip [OPZIONI] OBJECT help

Opzioni:

-indirizzo: Questa opzione viene utilizzata per mostrare tutti gli indirizzi IP associati a tutti i dispositivi di rete.

indirizzo IP

-link: Viene utilizzato per visualizzare le informazioni a livello di collegamento, recupererà le caratteristiche dei dispositivi a livello di collegamento attualmente disponibili. Qualsiasi dispositivo di rete in cui è caricato un driver può essere classificato come dispositivo disponibile.

collegamento ip

nslookup

Nslookup (sta per 'Name Server Lookup') è un comando utile per ottenere informazioni dal server DNS. È uno strumento di amministrazione della rete per interrogare il Domain Name System (DNS) per ottenere il nome di dominio o la mappatura dell'indirizzo IP o qualsiasi altro record DNS specifico. Viene anche utilizzato per risolvere i problemi relativi al DNS.

Sintassi:

nslookup [opzione]

Opzioni di nslookup comando:

  • nslookup google.com:

    nslookup seguito dal nome del dominio visualizzerà il 'Record A' (indirizzo IP) del dominio. Usa questo comando per trovare il record dell'indirizzo per un dominio. Interroga i server dei nomi di dominio e ottiene i dettagli.

arricciare

arricciare è uno strumento da riga di comando per trasferire dati da o verso un server, utilizzando uno qualsiasi dei protocolli supportati (HTTP, FTP, IMAP, POP3, SCP, SFTP, SMTP, TFTP, TELNET, LDAP o FILE). Questo comando è alimentato da Libcurl. Questo strumento è preferito per l'automazione poiché è progettato per funzionare senza l'interazione dell'utente. Può trasferire più file contemporaneamente.

Sintassi:

curl [opzioni] [URL ...]

L'utilizzo più elementare di curl è digitare il comando seguito dall'URL.

curl https://www.python.org

-o: salva il file scaricato sulla macchina locale con il nome fornito nei parametri.

Sintassi:

curl -o [nome_file] [URL ...]

Esempio:

curl -o hello.zip ftp://speedtest.tele2.net/1MB.zip

tr

Il comando tr in UNIX è un'utilità della riga di comando per la traduzione o l'eliminazione dei caratteri. Supporta una gamma di trasformazioni tra cui maiuscolo in minuscolo, compressione dei caratteri ripetuti, eliminazione di caratteri specifici e trova e sostituisci di base. Può essere utilizzato con pipe UNIX per supportare traduzioni più complesse. tr sta per translate.

Sintassi:

$ tr [flag] SET1 [SET2]

Opzioni

-c: integra il set di caratteri nella stringa. cioè, le operazioni si applicano ai caratteri non nel set dato
-d: cancella i caratteri nel primo set dall'output.
-s: sostituisce i caratteri ripetuti elencati nel set1 con una singola occorrenza
-t: tronca set1

Comandi di esempio

  1. Come convertire le lettere minuscole in maiuscole
    Per convertire da minuscolo a maiuscolo, è possibile utilizzare i set predefiniti in tr.

iptables

Il iptables è un'interfaccia a riga di comando utilizzata per impostare e mantenere le tabelle per il firewall Netfilter per IPv4, incluso nel kernel Linux. Il firewall abbina i pacchetti con le regole definite in queste tabelle e quindi esegue l'azione specificata su una possibile corrispondenza.

  • Tabelle è il nome per una serie di catene.
  • La catena è una raccolta di regole.
  • Regola è una condizione usata per abbinare il pacchetto.
  • Bersaglio è l'azione intrapresa quando una possibile regola corrisponde. Esempi di target sono ACCEPT, DROP, QUEUE.
  • Politica è l'azione predefinita eseguita in caso di mancata corrispondenza con le catene integrate e può essere ACCEPT o DROP.

Sintassi:

iptables --table TABLE -A / -C / -D ... Regola CHAIN ​​--jump Target

apt-get

apt-get è uno strumento da riga di comando che aiuta a gestire i pacchetti in Linux. Il suo compito principale è recuperare le informazioni ei pacchetti dalle fonti autenticate per l'installazione, l'aggiornamento e la rimozione dei pacchetti insieme alle loro dipendenze. Qui APT sta per Strumento di packaging avanzato .

sintassi:

comando apt-get [opzioni]

aggiornare: Questo comando viene utilizzato per sincronizzare nuovamente i file di indice del pacchetto dalle loro origini. È necessario eseguire un aggiornamento prima di eseguire l'aggiornamento.

apt-get update

df, tu

Il df ( disco libero ) riporta la quantità di spazio disponibile su disco utilizzata dai file system. Il du ( uso del disco ) riporta le dimensioni degli alberi di directory inclusi tutti i loro contenuti e le dimensioni dei singoli file.

L'obiettivo è assicurarsi di non superare la soglia dell'80%. Se superi la soglia, è il momento di ridimensionare o ripulire il casino, perché a corto di risorse devi modificare la tua applicazione e mostrare un comportamento incostante.

Per archiviare un formato leggibile dall'uomo:

$ sudo df -h

Ma nella maggior parte dei casi, vuoi controllare quale parte del tuo sistema sta consumando molto spazio su disco. Usa il seguente comando:

$ sudo du -h -d 1 / var /

htop

htop Il comando nel sistema Linux è un'utilità della riga di comando che consente all'utente di monitorare in modo interattivo le risorse vitali del sistema o i processi del server in tempo reale. Questo è un programma più recente rispetto al comando superiore e offre molti miglioramenti rispetto al comando superiore. Supporta il funzionamento del mouse, utilizza il colore nell'output e fornisce indicazioni visive sull'utilizzo del processore, della memoria e dello scambio. htop stampa anche le righe di comando complete per i processi e consente di scorrere sia verticalmente che orizzontalmente rispettivamente per i processi e le righe di comando.

sintassi -

htop

  • -d –delay: Utilizzato per mostrare il ritardo tra gli aggiornamenti, in decimi di secondo.
  • -C –no-color –no-color : Avvia htop in modalità monocromatica.
  • -h –help: Utilizzato per visualizzare il messaggio di aiuto e uscire.
  • -u –user = USERNAME: Utilizzato per mostrare solo i processi di un determinato utente.

ps

Ogni processo in Linux ha un ID univoco e può essere visualizzato utilizzando il comando ps.

  • $ sudo ps aux
  • per = mostra i processi per tutti gli utenti
  • u = visualizza l'utente / proprietario del processo
  • X = mostra anche i processi non collegati a un terminale

uccidere

uccidere comando in Linux (situato in / bin / kill), è un comando integrato che viene utilizzato per terminare manualmente i processi. Questo comando invia un segnale a un processo che termina il processo. Se l'utente non specifica alcun segnale che deve essere inviato insieme al comando kill, il valore predefinito TERMINE viene inviato un segnale che termina il processo.

kill -l : Per visualizzare tutti i segnali disponibili è possibile utilizzare la seguente opzione di comando:

Sintassi: $ kill -l

  • I valori PID negativi vengono utilizzati per indicare l'ID del gruppo di processo. Se si passa un ID gruppo di processi, tutti i processi all'interno di quel gruppo riceveranno il segnale.
  • Un PID di -1 è molto speciale in quanto indica tutti i processi tranne kill e init, che è il processo genitore di tutti i processi sul sistema.
  • Per visualizzare un elenco di processi in esecuzione utilizzare il comando ps e questo ti mostrerà i processi in esecuzione con il loro numero PID. Per specificare quale processo dovrebbe ricevere il segnale di kill, dobbiamo fornire il PID.

Sintassi:

$ ps

uccidere pid: Per mostrare come utilizzare un file PID con il uccidere comando.

Sintassi:

$ kill pid

telnet

Telnet aiuta a -

  • connettersi a un computer Linux remoto
  • eseguire programmi in remoto e condurre l'amministrazione

Sintassi

  • telnet hostname = '' o = ''
  • Esempio:
  • telnet localhost

Scripting della shell

Cos'è Shell?

Un sistema operativo contiene molti componenti, ma i suoi due componenti principali sono il kernel e la shell.

Puoi considerare un kernel come un nucleo di un computer. Rende possibile la comunicazione tra hardware e software. Il kernel è la parte più interna di un sistema operativo mentre una shell è quella più esterna.

Una shell in un sistema operativo Linux prende l'input dell'utente sotto forma di comandi, lo elabora e quindi fornisce un output. Agisce come un'interfaccia attraverso la quale un utente lavora su programmi, comandi e script. Un terminale accede alla shell ed esegue anche i comandi.

Quando il terminale viene eseguito, la Shell emette un prompt dei comandi (di solito $) dove è possibile digitare il proprio input, dopodiché il terminale lo esegue quando si preme il tasto Invio. Il terminale quindi visualizza l'output dei tuoi comandi.

La Shell avvolge come una copertura il delicato interno di un sistema operativo proteggendolo da danni accidentali. Da qui il nome è Shell.

Esistono due shell principali in Linux:

  1. La Bourne Shell : Il prompt per questa shell è $ e le sue derivate sono le seguenti:
  • La shell POSIX è anche nota come sh
  • Korn Shell sapeva anche come sh
  • Bourne Again SHell è anche conosciuto come bash (il più popolare)

2. La shell C: % denota il prompt per questa shell e le sue sottocategorie sono le seguenti:

  • La shell C è anche nota come csh
  • La shell Tops C è anche conosciuta come tcsh

Cos'è lo scripting della shell?

Lo scripting della shell sta scrivendo una serie di comandi per la shell che possono essere eseguiti. Può combinare sequenze di comandi sia lunghe che ripetitive in un unico e semplice script. Puoi memorizzare questo script ed eseguirlo quando vuoi. Ciò riduce notevolmente lo sforzo richiesto dall'utente finale.

Di seguito sono riportati i passaggi per creare uno script di shell:

  • Crea un file utilizzando un editor di testo come vi o qualsiasi altro editor. Assegnare un nome al file di script con estensione .sh
  • Avvia lo script con #! / bin / sh
  • Scrivi del codice.
  • Salvare il file di script come nomefile.sh
  • Per eseguire lo script digitare bash filename.sh

'#!' è un operatore chiamato shebang che punta lo script alla posizione dell'interprete. Quindi, se usiamo '#! / bin / sh 'lo script punta alla bourne-shell.

Creeremo ora un file utilizzando un editor come vi e lo salveremo con estensione .sh. Copia il seguente programma che aggiunge e stampa la somma delle cifre di un numero inserito dall'utente. Quindi esegui questo programma utilizzando il comando bash filename.sh.

#! / bin / sh

echo 'Inserisci un numero'
leggere Num
g = $ cb

# memorizza la somma di
# cifre
s = 0

# usa il ciclo while per
# calcola la somma
# di tutte le cifre
mentre [$ Num -gt 0]
fare
# ottieni il resto
k = $ (($ num% 10))

# ottieni la cifra successiva
Num = $ (($ Num / 10))

# calcola la somma di
# cifra
s = $ (($ s + $ k))

fatto
echo 'la somma delle cifre di $ g è: $ s'

Comandi Git

Cos'è Git?

Git è un sistema di controllo della versione distribuito gratuito e open source. Questo strumento gestisce qualsiasi cosa, dai piccoli ai progetti molto grandi con velocità ed efficienza. Linus Torvalds lo ha creato nel 2005 per sviluppare il kernel Linux. Git ha le funzionalità, le prestazioni, la sicurezza e la flessibilità di cui hanno bisogno la maggior parte dei team e dei singoli sviluppatori.

Strumenti come Git consentono la comunicazione tra lo sviluppo e il team operativo. Quando si sviluppa un grande progetto con un numero enorme di collaboratori, è molto importante avere una comunicazione tra i collaboratori mentre si apportano modifiche al progetto. I messaggi di commit in Git svolgono un ruolo molto importante nella comunicazione tra il team. I bit e i pezzi che tutti distribuiamo si trovano nel sistema di controllo della versione come Git. Per avere successo in DevOps, è necessario disporre di tutte le comunicazioni in Controllo versione. Quindi, Git gioca un ruolo fondamentale nel successo in DevOps.

Comandi Git

git init

Utilizzo : git init [nome repository]

Questo comando crea un nuovo repository.

git config

Utilizzo : git config --global user.name '[nome]'

Utilizzo : git config --global user.email '[indirizzo email]'

Questo comando imposta rispettivamente il nome dell'autore e l'indirizzo e-mail. Questa è un'informazione utile con i commit.

git clone

Utilizzo : git clone [url]

Questo comando ti consente di ottenere una copia di un repository da un URL esistente.

git add

Utilizzo: git aggiungi [file]

Questo comando aggiunge un file all'area di staging.

Utilizzo: git add *

Questo comando aggiunge uno o più all'area di staging.

git commit

Utilizzo: git commit -m '[Digita il messaggio di commit]'

Questo comando registra o crea istantanee del file in modo permanente nella cronologia delle versioni.

Utilizzo: git commit -a

Questo comando salva tutti i file che hai aggiunto con il comando git add e salva anche tutti i file che hai modificato da allora.

stato git

Utilizzo: stato git

Lo stato gitcomando mostra lo stato della directory di lavoro e dell'area di staging.Questo comando ti permette di vedere le modifiche che sono nello staging, quelle che non sono staging e non sono tracciate da Git.

git show

Utilizzo: git show [commit]

Questo comando mostra i metadati e le modifiche al contenuto del commit specificato.

vai rm

Utilizzo: git rm [file]

Questo comando elimina il file dalla directory di lavoro e ne avvia l'eliminazione.

git remote

Utilizzo: git remote add [nome variabile] [Remote Server Link]

Questo comando collega il tuo repository locale al server remoto.

git push

Utilizzo: git push [nome variabile] master

Questo comando invia le modifiche confermate del ramo master al tuo repository remoto.

Utilizzo: git push [nome variabile] [ramo]

Questo comando invia i commit del ramo al tuo repository remoto.

Utilizzo: git push –all [nome variabile]

Questo comando invia tutti i rami al tuo repository remoto.

Utilizzo: git push [nome variabile]: [nome ramo]

Questo comando elimina un ramo sul tuo repository remoto.

git pull

Utilizzo: git pull [collegamento al repository]

Questo comando recupera e unisce le modifiche sul server remoto alla directory di lavoro.

git branch

Utilizzo: git branch

Questo comando elenca tutti i rami locali nel repository corrente.

Utilizzo: git branch [nome ramo]

Questo comando crea un nuovo ramo.

Utilizzo: git branch -d [nome ramo]

Questo comando elimina il ramo della caratteristica.

git checkout

Utilizzo: git checkout [nome filiale]

Questo comando ti consente di passare da un ramo all'altro.

Utilizzo: git checkout -b [nome ramo]

diversi tipi di quadro in selenio

Questo comando crea un nuovo ramo e passa anche ad esso.

vai unisci

Utilizzo: git merge [nome ramo]

Questo comando unisce la cronologia del ramo specificato a quello corrente.

git rebase

Utilizzo: git rebase [nome ramo]

git rebase master - Questo comando sposterà tutto il nostro lavoro dal ramo corrente al master.

Con questo, siamo giunti alla fine del blog sui comandi Linux in DevOps. Ho cercato di coprire il maggior numero di comandi possibile qui. Questo blog ti aiuterà sicuramente a dare il via al tuo viaggio con DevOps.

Ora che hai capito quali sono i comandi Linux in DevOps, dai un'occhiata a questo da Edureka, una società di formazione online affidabile con una rete di oltre 250.000 studenti soddisfatti sparsi in tutto il mondo. Il corso di formazione sulla certificazione DevOps di Edureka aiuta gli studenti a capire cos'è DevOps e acquisire esperienza in vari processi e strumenti DevOps come Puppet, Jenkins, Nagios, Ansible, Chef, Saltstack e GIT per l'automazione di più passaggi in SDLC.

Hai domande per noi? Per favore menzionalo nella sezione commenti e ti risponderemo